Aderire al Consumo critico antiracket equivale a fare una denuncia preventiva che negli anni si è rivelata efficacissima. I mafiosi, infatti, preavvertiti del rischio, si guardano bene dal chiedere il pizzo ai commercianti della lista per timore di una denuncia.

Con il Consumo critico antiracket, inoltre, gli imprenditori sani e soprattutto quelli che hanno denunciato l’estortore escono finalmente dall’isolamento trovando il sostegno di tanti cittadini che li renderà più forti e sicuri.

Imprenditori/commercianti e consumatori, insieme, potranno liberare pezzi di mercato, isolare le imprese mafiose e  riconquistare alla legalità spazi sempre più ampi di economia.