Articolo pubblicato il 20 giugno 2018

Trame festival, parte a Lamezia Terme l’ottava edizione: oggi l’inaugurazione. Ci sarà il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri tra i protagonisti della prima giornata del festival.

Tutto pronto per l’ottava edizione di Trame Festival dei libri sulle mafie, che verrà inaugurata oggi 20 giugno e che per cinque giornate animerà il cuore della città di Lamezia Terme con dibattiti, workshop, proiezioni, mostre e spettacoli. Tema dell’edizione di quest’anno, il coraggio di ogni giorno, per ribadire l’importanza dell’impegno quotidiano di tutti e rilanciare ancora una volta il messaggio della forza dirompente dei libri e della cultura contro tutte le mafie e tutte le forme di illegalità. L’inaugurazione del Festival, in programma mercoledì 20 giugno alle 17 al Chiostro San Domenico, vedrà gli interventi del direttore artistico di Trame.8 Gaetano Savatteri, del presidente della Fondazione Trame Armando Caputo, dell’Assessore all’Istruzione e alle attività culturali della Regione Calabria Maria Francesca Corigliano, del commissario straordinario del Comune di Lamezia Terme Francesco Alecci, della responsabile per la legalità e la sicurezza di Confcommercio Anna Lapini.

Zoom24
Nella mattina alle 12, all’interno del Chiostro S. Domenico, sarà inaugurata la mostra fotografica “La voce di Impastato. Volti e parole contro la mafia”, progetto editoriale frutto della collaborazione tra il regista Ivan Vadori e il fotografo Elia Falaschi, che saranno presenti in occasione dell’inaugurazione della mostra per illustrare i contenuti di un percorso di immagini e parole che parte dal documentario realizzato da Vadori “La voce di Impastato”.
Nel pomeriggio, subito dopo l’inaugurazione del Festival, a Piazza Mercato Vecchio anteprima nazionale dell’installazione site specific “TrameFrame” di Luigi Giudice feat. GLoois a cura del Collettivo Istmo. In occasione dei cinquant’anni dalla nascita della città di Lamezia Terme, “TrameFrame” vuole ripercorrere la storia di una comunità, senza chiudere gli occhi sulle pagine più nere, a cominciare proprio dal terzo scioglimento per infiltrazioni mafiose del consiglio comunale, e al tempo stesso attingendo e richiamando la ricchezza del passato di questo territorio, i suoi elementi naturali, il paesaggio, i miti, l’arte e l’archeologia, che vanno “a ricomporre uno sguardo” e a costruire “oltre le trame, le linee, i profili di una Storia”. È su questi elementi che si può costruire l’identità presente di Lamezia, molto più ricca della sua parabola istituzionale e criminale. A partire dalle 18 a Palazzo Nicotera si parlerà del Caso Moro con Simona Zecchi, autrice del libro “La criminalità servente nel Caso Moro” (La Nave di Teseo) che dialogherà con il giornalista di Repubblica Francesco Viviano. Alle 19 al Chiostro San Domenico Lorenzo Marone parlerà del suo ultimo libro sul giornalista Giancarlo Siani dal titolo “Un ragazzo normale” (Feltrinelli) conversando con la giornalista de “Il Corriere della Calabria” Alessia Truzzolillo.

Risultati immagini per GRATTERI
Alle 20 in Piazzetta San Domenico il Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri parlerà con Gaetano Savatteri del libro scritto a quattro mani con Antonio Nicaso “Fiumi d’oro. Come la ‘ndrangheta investe i soldi della cocaina nell’economia legale” (Mondadori).
In occasione della Giornata mondiale del rifugiato, l’attualissimo tema delle migrazioni sarà al centro dell’incontro in programma alle 21 al Chiostro San Domenico con il libro “Non lasciamoli soli. Voci dall’inferno della Libia. Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono ammettere” (Chiarelettere), di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti. Coordinati da Giulia Veltri, interverranno l’autore Francesco Viviano e Marco Bertotto di Medici Senza Frontiere.
Alle 22 a Palazzo Nicotera anteprima nazionale del nuovo progetto di Confcommercio “Il titolare”, una web serie che, attraverso degli sketch, fa riflettere con ironia sulla pressione della criminalità organizzata nella vita degli imprenditori, rappresentando una sorta di mondo capovolto o ideale nel quale, ad esempio, è l’estortore che deve essere consolato perché chiedere il pizzo non è più di moda. Coordinati da Gaetano Savatteri, interverranno Anna Lapini, Carlo Loforti, Sergio Vespertino e Luca Di Giovanni.
A concludere la prima giornata di Trame.8, Vittorio Alberti che dialogherà con il giornalista Pablo Petrasso de “Il Corriere della Calabria” sul libro “Pane sporco. Combattere la corruzione e la mafia con la cultura” (Rizzoli).

Vai al sito di TRAME FESTIVAL

Il programma in pdf di TRAME Festival 2018 TRAME 8_programma

Vai alla pagina Facebook di TRAME FESTIVAL