Articolo pubblicato il 8 maggio 2018

Presentazione dell’APP Prìmere nella sala del Consiglio comunale di Barcellona Pozzo di Gotto.

L’associazione antiracket Liberi Tutti della Rete NOMAFIE con la collaborazione determinante dell’Amministrazione comunale ha presentato l’APP Prìmere alla presenza dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine, dei Dirigenti scolastici di Barcellona Pozzo di Gotto e dei responsabili di molte associazioni di volontariato.
Erano presenti anche i membri della Giunta comunale, il Presidente del Consiglio comunale e una suora salesiana.
Dopo i saluti del Sindaco Materia e dell’Assessore della pubblica istruzione Ilenia Torre sono intervenuti Sofia Capizzi presidente di LiberiTUTTI ed Enrico Colajanni della Rete NOMAFIE. Infine, Alessio Di Gesù, giovane avvocato palermitano nonchè ideatore dell’APP Primere ha illustrato le funzioni dell’APP e i vantaggi che essa offre per il più rapido ed efficace allertamento dei soccorritori (Polizia, Carabinieri, ambulanze e Vigili del fuoco) in caso di violenza, furti, rapine, incidenti ecc.

Photo gallery dell’evento

Altre informazioni sull’APP nel sito liberoFUTURO.net

Pagina FB di Primere

Rassegna stampa:

Presentata a Palazzo Longano “Primere”, l’app contro il crimine.

E’ stata presentata questa mattina presso l’aula consiliare di Palazzo Longano l’app “Primere”. Si tratta di un’ applicazione gratuita per smartphone, tablet e smartwatch che consente di segnalare in tempo reale furti, rapine, violenze e qualsiasi altro tipo di reato e/o aggressione. L’ innovativa app è stata ideata e creata da una start up palermitana, riconosciuta dal ministero dell’Interno e collegata con i numeri unici di emergenza (NUE 112) sparsi sul territorio nazionale. Grazie alla geolocalizzazione, l’app permette di far conoscere all’operatore della Centrale unica di risposta la propria posizione, anche in assenza di connessione Internet.

Primere è a disposizione sia su iOS che Android. Una volta installata sul dispositivo, effettuata la registrazione ed accettati i termini e le condizioni d’uso, l’app Primere al momento della chiamata verso il NUE 112 da parte dell’utente che lancia l’allerta, invia automaticamente le informazioni più importanti per i soccorsi.

L’utente può facilmente dialogare con il sistema informativo della centrale unica di risposta (CUR) 112, permettendo allo stesso di segnalare un reato specifico o inviare un alert generico con una localizzazione puntuale anche nei casi in cui il chiamante non sa o non è in grado di dire dove si trova…..SEGUE