Articolo pubblicato il 23 gennaio 2018

Ad Agrigento, con l’operazione “Montagna” dei Carabinieri diretti dalla Procura distrettuale antimafia, è stata smantellata una cosca mafiosa attiva in alcune zone interne della provincia. Una mafia forte anche per il silenzio delle tante vittime.
Le indagini hanno rivelato uno scenario particolarmente inquietante, infatti i mafiosi erano iperattivi in svariati settori. Dagli appalti alla droga, dalle estorsioni al voto di scambio, dal furto di bestiame all’elezione di propri candidati nelle istituzioni locali i 57 arrestati non si facevano mancare nulla. Diciamo che nel loro territorio la facevano da padrone.
Le nostre associazioni antiracket LiberoFUTURO Agrigento e Licata, spinte dall’entusiasmo per questi successi, si impegnano a moltiplicare i loro sforzi al fine di estendere la cultura della denuncia ed esprimono tutto il loro compiacimento per quest’ultima operazione delle Forze dell’ordine e della magistratura che non danno tregua a mafiosi e corrotti.
Al contempo esprimiamo rammarico per il contributo alle indagini pressoché nullo delle vittime di estorsione. Su 27 cas accertati nessuno ha avuto il coraggio di denunciare ne le semplici richieste estorsive ne i danneggiamenti subiti. Cio testimonia tragicamente che c’è ancora tanto lavoro da fare per tutti coloro che si richiamano alla legalità.
Le nostre associazioni sottoscrivono senza riserve il comunicato della CGIL che oltre a complimentarsi con le Forze dell’ordine sprona l’intera società ad una reazione coerente e corale.
Noi che assistiamo gia numerosi imprenditori dell’agrigentino ci rendiamo disponibili ad incontrare gli imprenditori coinvolti nell’operazione Montagna al fine di assisterli e consigliarli (T: 3339787396).
Anche ad Agrigento si può fare:
LIBERIAMOCI DALLA MAFIA E DALLA CORRUZIONE

 

IL COMUNICATO DELLA CGIL

Operazione “Montagna”, Cgil: “Nella nostra provincia la mafia è forte”

Da parte nostra pieno appoggio e sostegno all’incessante opera di Magistratura e forze dell’ordine che  mettono  in campo tutte le azioni utili a debellare la filiera criminale che ha pervaso la nostra economia.
Quanto è accaduto nelle ultime ore anche nei nostri territori a seguito dell’inchiesta “Montagna”, in particolare a S.Biagio Platani con l’arresto del Sindaco, dimostra ancora una volta, come già denunciato dalla DIA nei suoi rapporti annuali, che nella nostra provincia c’è una mafia forte e vitale in grado di permeare le Istituzioni, di condizionare l’attività amministrativa e di soffocare l’economia legale.
L’operazione di ieri che segue di pochi giorni un’altra importante inchiesta che riguarda “Girgenti Acque” che ha portato alla sostituzione del Prefetto, delineano una condizione della nostra provincia assai inquietante: una provincia povera ma assaltata da mafia e malaffare.
Questi importanti risultati e strumenti per contrastare la criminalità organizzata e malaffare, rischiano in ogni caso di essere insufficienti se non accompagnati da un atteggiamento operativo e coerente da tutti i soggetti coinvolti: istituzioni, parti sociali, società civile.
In queste ore ci appare assordante il silenzio di forze politiche, associazioni professionali, istituzioni: nessuno ha da dire nulla? Non c’è nessun ma che tenga, bisogna uscire da qualsiasi ambiguità e/o atteggiamenti passivi che non fanno altro che alimentare la mafia in doppio petto.
Abbiamo bisogno che Associazioni Sindacali, Professionali , le Associazioni Antiracket, la parte migliore della Società Agrigentina faccia sentire la propria voce, la propria vicinanza alle forze che sono impegnate  attivamente nell’opera di contrasto alla criminalità.
Abbiamo bisogno di mettere in campo un vasto movimento che rimetta in campo concretamente una antimafia dei diritti, che parli di lavor, che assicuri risposte concrete, a cominciare dai “beni confiscati e sequestrati ai mafiosi”. Da questo punto di vista siamo sicuri che il nuovo Prefetto, per la sua esperienza specifica sul campo, saprà darci un valido contributo finalizzato alla migliore e totale utilizzazione. Nei giorni scorsi, sempre in splendida solitudine, abbiamo posto il problema della protezione di Ignazio Cutrò: questa nostra preoccupazione esce rafforzata dalle intercettazioni telefoniche dei mafiosi di quella zona.
Come Organizzazione Sindacale abbiamo espresso,  in varie occasioni, sincera ammirazione per l’attività svolta da Ignazio Cutrò e che hanno consentito dapprima la condanna dei suoi estorsori ed il contributo dallo stesso dato per far crescere una coscienza antimafiosa ed invogliare altri Imprenditori a seguire il suo esempio. Occorre ripristinare condizioni di sicurezza per Ignazio Cutrò e la sua famiglia.