Articolo pubblicato il 30 luglio 2017

Il gruppo scout di Scorzè in provincia di Verona ha incontrato Nicola Clemenza di LiberoFUTURO e Nino Giuliano, imprenditore antiracket di Brancaccio, nella “stanza dello scirocco” della Base Scout AGESCI “Volpe Astuta” a Palermo nel quartiere di Altarello di Baida in un fondo di 2 ettari maglio conosciuto come Fondo Micciulla.

Si tratta di una proprità della famiglia mafiosa dei Piraino che nel 1980  fu oggetto di sequestro da parte dell’allora Giudice Istruttore Giovanni Falcone e successivamente definitivamente confiscata.

Si è parlato del nostro movimento e soprattutto di etica e responsabilità. Non è il primo gruppo scout del nord che si interessa ai nostri temi e anche questa volta i ragazzi torneranno ad aiutarci il prossimo anno nelle varie attività che svolgiamo sui beni sequestrati e confiscati. La stessa cosa hanno fatto gli scout di Recco GE gli anni scorsi. Questi incontri sono il frutto della nostra collaborazione ormai consolidata con Don Francesco Fiorino.

Come negli altri casi, anche gli scout di Scorzè organizzeranno un gruppo d’acquisto per i prodotti del consumo critico e per quelli a marchio extraetico distribuiti dalla cooperativa SpazioLibero community.

Vai alla photo gallery