Articolo pubblicato il 6 febbraio 2014

Giuseppe-Caruso3Beni confiscati, confronto teso. La Commissione a Palermo

ROMA- “Al termine di quest’audizione, quel che emerge è che l’Agenzia per i beni confiscati alla mafia dovrà subire interventi”. Lo ha detto il presidente della commissione parlamentare Antimafia, Rosi Bindi, al termine dell’audizione del prefetto Giuseppe Caruso, direttore dell’agenzia, con il quale c’è stato un confronto molto teso. Bindi ha rilevato e lamentato ritardi e inefficienze. La commissione Antimafia ha chiesto al direttore dell’Agenzia nazionale dei beni confiscati, prefetto Giuseppe Caruso, di fornire alla commissione parlamentare l’elenco delle nomine di tutti gli amministratori giudiziari e dei coadiutori, dei loro compensi e una mappa dei beni di cui sono responsabili. Ecco tutti i particolari.

Caruso: “Nessuna delegittimazione
“Dire che ho inteso delegittimare l’autorità giudiziaria non corrisponde a verità. Abbiamo però rilevato che la maggior parte degli amministratori giudiziari nel centro sud hanno incarichi nei cda delle aziende”. Lo ha detto il direttore dell’Agenzia per i beni confiscati, Giuseppe Caruso, rispondendo in audizione alla commissione Antimafia ai rilievi fatti dalla presidente Rosi Bindi che ha chiesto conto a Caruso di alcune sue considerazioni apparse sulla stampa da cui, ha detto, emerge “un’accusa generalizzata al sistema”.

Gli incarichi contestati
In audizione sono stati chiesti chiarimenti in particolare sull’incarico affidato all’avvocato Mario Bellavista, che dopo la rimozione di Luigi Turchio, è stato incaricato della liquidazione dei beni di Pietro Lo Sicco. Bellavista, infatti, è stato difensore di Lo Sicco. La commissione ha quindi chiesto di chiarire se risponda al vero che “l’avvocato di un mafioso ha avuto la nomina come amministratore dall’Agenzia dei beni confiscati alla mafia. “Bellavista, che mi assumo la responsabilità di aver nominato – ha spiegato Caruso – ha difeso Lo Sicco in passato, ma non per un reato di mafia. Dopo la nomina lo ha fatto rilevare e ha dato le dimissioni, e benché non ci sia incompatibilità, per motivi di opportunità abbiamo accettato”. Altra nomina su cui sono stati chiesti ragguagli è quella dell’avvocato Andrea Gemma, nominato da Caruso amministratore dell’ingente patrimonio derivante dai beni sequestrati al costruttore Vincenzo Piazza, considerato vicino alla mafia, fino a fine dicembre amministrato da Gaetano Cappellano Seminara.

A Caruso è stato chiesto se sia vero che Gemma lavori nello studio della moglie del ministro dell’Interno Angelino Alfano. “Gemma – ha spiegato Caruso – è stato segnalato in sede di consiglio direttivo come persona che aveva già risolto il problema Valtur. E’ un professore universitario, non mi risulta faccia parte dello studio della moglie di Alfano. Sta di fatto che ha risolto il problema, è stato remunerato con totali 150mila euro per lui e altri due giovani avvocati, lo stesso importo che prima prendeva una sola persona”, ossia Cappellano Seminara, indicato da Caruso tra gli amministratori che hanno preso “parcelle stratosferiche” e che “siedono anche nei cda delle aziende confiscate, facendo da controllore e controllato” al tempo stesso. “Noi, io – ha detto Caruso – devo verificare l’uso sociale-istituzionale del bene confiscato. Questo è il compito dell’Agenzia, che è diverso da quello che svolge l’autorità giudiziaria in fase di sequestro. Come mai, con Cappellano Seminara – ha detto Caruso – avevamo decine di immobili bloccati e c’erano criticità che abbiamo rilevato dai bilanci e che non sono state rimosse? Noi avevano il problema dell’assegnazione di decine di immobili al Comune di Palermo e ora abbiamo potuto destinare 30 edifici così come potremo destinare molti appartamenti all’emergenza abitativa”.

La Commissione a Palermo
“Faremo subito un approfondimento – ha detto Rosi Bindi -. Partiremo dal Fug, il Fondo unico giustizia” e sulle sue dotazioni, che secondo i dati ribaditi dallo stesso Caruso ammontano a 2 miliardi, in giacenza a Equitalia: uno in contanti, uno in titoli “che non sono stati disimpegnati – ha spiegato Caruso – perché si temevano svalutazioni legate alle oscillazioni dei mercati”. “Sul Fug – ha annunciato Bindi – sentiremo il ministero dell’Economia su questo punto e valuteremo le proposte, una delle quali è la trasformazione in un fondo di rotazione a disposizione dei beni confiscati. Vogliamo capire se non sia eccessivo il denaro tenuto in riserva, posto che una parte giustamente non può essere utilizzato fino alla confisca definitiva. Quanto al miliardo in titoli, per quelli sequestrati è previsto che le azioni possano essere convertiti in titoli di Stato a rendimento costante, perché il patrimonio non si eroda”. “Poi faremo un approfondimento sui casi concreti – ha aggiunto Bini – e il 17, 18 e 19 febbraio saremo a Palermo”.

FONTE ANSA

Nostro precedente: BENI CONFISCATI, RIVOLUZIONE IN CORSO 2

Da Repubblica Palermo: Bindi, subito riforma agenzia